NAVIGATION

Benvenuto!

Benvenuto in Vallimagna.com, portale dedicato alla Valle Imagna.

Qui potrai trovare eventi, promozione culturale, approfondimenti, informazioni e notizie di vario genere che ti faranno di conoscere e apprezzare ancor di più la Valle.

Il tutto a portata di click e di semplice navigazione!

L'idea

Diventa inserzionista

Contatti

giovedì 19 ottobre 2017
Cultura

L’organo Antegnati, un prezioso e antico strumento ad Almenno San Salvatore

Your Lead Paragrpah goes here

La Chiesa di San Nicola ad Almenno San Salvatore ospita un prezioso strumento antico di secoli: si tratta dell’organo Antegnati, realizzato nel 1500 e sopravvissuto fino a noi nella sua struttura intatta.

L’organo Antegnati realizzato nel Cinquecento

Situato nella chiesa di San Nicola, l’organo Antegnati è stato realizzato nel 1588. È uno dei pochissimi esempi di organi rinascimentali di scuola italiana sopravvissuto nella sua struttura originaria.

Nel 1588 viene deciso di dotare la chiesa di San Nicola di un organo per dare l’intonazione e per alternare con il coro l’esecuzione in canto gregoriano della messa. Il lavoro viene commissionato agli Antegnati, celebri maestri organari di Brescia. Per generazioni (dal XV secolo agli inizi del XVIII) gli Antegnati sono stati l’eccellenza in questo campo. A realizzare l’organo è Costanzo Antegnati. 

organo antegnati
L’organo Antegnati nella Chiesa di San Nicola ad Almenno San Salvatore

La struttura dell’organo

Sopravvissuto nei secoli nella sua struttura intatta, nel 1996 si concludono i lavori di restauro, durati sei anni. Lo strumento è collocato in cantoria, sopra la quinta cappella a destra della navata.

Il busto benedicente di Dio Padre troneggia dal frontone, mentre le ante (portelle) chiudibili sono abbellite da dipinti, quattro coppie di angeli musicanti.

Il prospetto è costituito da 25 canne di stagno del registro Principale, suddiviso in cinque campate (5-5-5-5-5), tutte disposte a cuspide. Anche gli “organetti morti” (canne mute, prive di anima), situati sopra i campi minori, presentano pari numero di canne sempre disposte a cuspide. La tastiera è di eccezionale valore in quanto è l’unico esemplare conosciuto degli Antegnati e presenta 45 note. La pedaliera è composta da 14 pedali.

Ora, poco più di vent’anni dal restauro, si vuole valorizzare questo strumento importante e prezioso nel contesto religioso. Numerose iniziative sono in programma nella 21^ edizione di In Tempore Organi – Voci et Organo insieme. La rassegna è organizzata dal Comitato per l’Organo Antegnati di Almenno San Salvatore, in collaborazione con l’Amministrazione e la Biblioteca comunali.

Top